DETRAZIONI FISCALI

Detrazione 50% : le guide fiscali

In seguito alle novità introdotte dalla Legge di Stabilità 2015 (La Legge n. 190/2014), l’Agenzia delle Entrate ha aggiornato le guide fiscali, disponibili on line sul sito istituzionale della stessa Amministrazione finanziaria, in merito alle detrazioni fiscali sulla casa, il bonus Irpef per interventi di ristrutturazione edilizia e quello per il risparmio energetico.

Detrazione per interventi di riqualificazione energetica al 50% fino al 31.12.2018

Partendo dalla detrazione fiscale per interventi di riqualificazione energetica degli edifici, la Legge di stabilità 2018 ha esteso il bonus nella misura massima al 50% a tutte le spese sostenute dal 1° gennaio 2018 fino al 31 dicembre 2018, anche per gli interventi sulle parti comuni degli edifici condominiali e per quelli che riguardano tutte le unità immobiliari di cui si compone il singolo condominio.

Interventi ammessi alla detrazione 50%

La legge di stabilità 2018 ha inoltre esteso questa agevolazione al 50% per tutto il 2018 ad altre tipologie di interventi come l’acquisto e la posa in opera di schermature solari e di impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili, con nuovi limiti di spesa massima, rispettivamente di 60mila e 30mila euro.

Ricapitolando dal 1 gennaio 2018 gli interventi di riqualificazione energetica con cui si può fruire del bonus al 50% sono:

riqualificazione energetica edifici esistenti: spesa massima 100.000 euro;

involucro edifici (pareti, finestre, tetto): spesa massima 60.000 euro;

installazione pannelli solari: spesa massima 60.000 euro;

sostituzione impianti climatizzazione invernale: spesa massima 30.000 euro;

acquisto e posa in opera schermature solari: spesa massima 60.000 euro;

acquisto e posa in opera impianti climatizzazione invernali dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili: spesa massima 30.000 euro.

Detrazione 50% e lavori pluriennali

Nella guida dell’Agenzia delle entrate si evidenzia un’altra novità introdotta questa volta dal decreto sulle semplificazione fiscali (Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175) che all’articolo 12 ha eliminato l’obbligo di inviare la comunicazione all’Agenzia delle Entrate per i lavori che proseguono per più periodi d’imposta.
I contribuenti con periodo d’imposta coincidente con l’anno solare, quindi, non dovranno più inviare alcuna comunicazione per le spese sostenute nel 2016, in relazione a lavori che proseguiranno nel 2017.

La guida aggiornata dell’Agenzia delle entrate sulla detrazione 50%.

Detrazione 50% per interventi di ristrutturazione edilizia fino al 31.12 2018

La detrazione fiscale delle spese per interventi di ristrutturazione edilizia, disciplinata dall’art. 16-bis del Dpr 917/86 (Testo unico delle imposte sui redditi), con la Legge di Stabilità 2015, continuerà ad avere misura massima al 50% per le spese sostenute fino al 31 dicembre 2017, con limite di spesa massimo di 96mila euro per unità immobiliare.

Sismabonus: detrazione al 50% fino al 31.12.2021

Per quanto riguarda la messa in sicurezza antisismica, ci sarà una detrazione fiscale del 50%, che sarà possibile richiedere fino al 31 dicembre 2021, con tetto di spesa incentivabile a 96mila euro e rimborso in cinque anni. L’incentivo cresce a seconda dei risultati raggiunti con l’intervento. Sarà infatti riconosciuto un bonus al 70% o all’80% in caso di miglioramento di una o due classi di rischio. Nelle spese incentivabili rientrano anche quelle per la classificazione e la verifica sismica. Nei condomìni il bonus fiscale parte dal 50%, ma può arrivare al 75% e 85% in presenza di miglioramenti di una o due classi di rischio riguardanti tutto l’edificio. Il tetto di spesa incentivabile sarà di 96mila euro moltiplicato per il numero delle unità immobiliari del condominio.

Bonus mobili: proroga per tutto il 2018

Si può usufruire di una detrazione Irpef del 50% per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni), destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione. L’agevolazione è stata prorogata dalla recente legge di bilancio anche per gli acquisti che si effettueranno nel 2017, ma potrà essere richiesta solo da chi realizza un intervento di ristrutturazione edilizia iniziato a partire dal 1 gennaio 2016.

Invece, se l’acquisto del mobile o dell’elettrodomestico è avvenuto nel periodo compreso tra il 6 giugno 2013 e il 31 dicembre 2016, il presupposto per poter usufruire della detrazione rimane quello di aver sostenuto spese per interventi di recupero del patrimonio edilizio a partire dal 26 giugno 2012 .

Detrazione acquisto fabbricati ad uso abitativo

Altra novità prevista dalla Legge di Stabilità 2015 e che trova spazio anche nella guida aggiornata dell’Agenzia delle entrate riguarda la detrazione Irpef al 50% fino al 31 dicembre 2018 per gli acquisti di fabbricati, a uso abitativo, ristrutturati.

L’agevolazione si applica agli interventi di ristrutturazione che riguardano interi fabbricati, eseguiti da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare e da cooperative edilizie che devono provvedere, entro 18 mesi (prima erano 6 mesi) dalla data del termine dei lavori, alla successiva alienazione o assegnazione dell’immobile.

La guida aggiornata dell’Agenzia delle entrate sulla detrazione 50%.

Ritenuta sui bonifici dal 4% all’8%

Nel quadro di sintesi delle novità sulle detrazioni fiscali per la casa, si ricorda infine che, sia nel caso di interventi di ristrutturazione che di riqualificazione energetica, dal 1 gennaio 2015, per effetto della legge n. 190 del 2014, la ritenuta sui bonifici che le banche o le Poste operano al momento del pagamento delle spese relative agli interventi realizzati, aumenta dal 4% all’8%.

Chiama allo 059 654082 o contattaci via mail per un PREVENTIVO GRATUITO.